(Natrix tessellata - Laurenti, 1768)

Natrix tessellata

NOMI STRANIERI E DIALETTALI

Inglese: Dice Snake.
Francese: Couleuvre tessellée.
Tedesco: Würfelnatter.
Spagnolo: Culebra de agua.
Dialettali: Aspisurdu, Bagea, Biscia d'aegua, Biscia, Vespusùrdu.

DESCRIZIONE

Serpente di dimensione media, ha una lunghezza variabile tra i 60 ed i 100 cm, e le femmine sono più lunghe dei maschi. Testa piuttosto piccola, allungata, appuntita e spigolosa, con narici ed occhi leggermente rivolti verso l'alto (adattati alla vita acquatica)...

Pupilla rotonda ed iride giallastra, ma talvolta grigiastra o brunastra. Corporatura media, a volte snella a volte più tozza, che termina con una coda lunga, appuntita ed abbastanza indistinta dal resto del corpo. Dorso ricoperto da squame fortemente carenate, che diventano un pò più lisce sui fianchi. Colorazione di fondo molto variabile: grigiastra, brunastra, olivastra, giallastra, rossastra o una qualsiasi combinazione o sfumatura delle precedenti tonalità, ornata da macchie puntiformi regolari più scure. Sulla nuca è più o meno visibile una tipica macchia scura a forma di "V".
Questo serpente ha una dentatura aglifa.

DISTRIBUZIONE

Europa orientale, Balcani, Asia centro-occidentale e regioni dell'Africa del Nord che si affacciano sul Nilo (Egitto). In Italia è presente ovunque ad eccezione della Valle d'Aosta e delle due isole maggiori (Sardegna e Sicilia).
In provincia di Savona e nel ponente ligure è presente unicamente nel versante padano dell'Appennino ligure, a circa 400 metri di altitudine.

HABITAT

Specie legata agli ambienti acquatici, in provincia di Savona e nel ponente ligure la si trova in ruscelli, torrenti e fiumi con portata d'acqua media o alta, benché in altre zone di distribuzione sia solita abitare anche paludi, stagni ed altri specchi d'acqua poco mossi o immobili.

ABITUDINI

Serpente diurno, ottimo nuotatore, può rimanere immerso per parecchio tempo. A terra è invece relativamente lento e poco agile.
Il periodo di attività va da marzo ad ottobre. Poco dopo il risveglio comincia il periodo dell'accoppiamento che si protrae per circa 2 mesi; talvolta e con condizioni climatiche particolarmente favorevoli, si ha un secondo periodo di accoppiamento che precede il letargo, all'inizio dell'autunno.
Tra la fine di Giugno ed i primi giorni di Luglio le femmine depongono da 4 a 35 uova, che schiudono normalmente in agosto e settembre. Alla nascita i piccoli sono lunghi dai 15 ai 25 cm circa.

ALIMENTAZIONE

Prevalentemente animali acquatici quali pesci, anfibi, girini ed invertebrati che vengono ingoiati vivi. Occasionalmente piccoli mammiferi.

PERICOLI

Oltre ai nemici che ha in comune con gli altri serpenti liguri (rapaci, mammiferi carnivori ed altri serpenti), la Natrice Tassellata è predata anche da alcune grosse specie di pesci come il luccio (Esox lucius).
L'uomo la scambia spesso per una vipera (Vipera aspis) e per questo la uccide; inoltre riducendo le zone umide ed inquinando le acque con erbicidi, lumachicidi, insetticidi e simili, la distrugge direttamente o indirettamente, privandola delle risorse alimentari.

PARTICOLARITÀ

Come accade per la Natrice dal Collare, la Natrice Tassellata, se importunata, sibila ed emette un liquido nauseabondo da una ghiandola posta all'interno della cloaca, ma non morde mai. Può fingersi morta inscenando una pantomima simile a quella della "cugina" Natrix natrix.

Ricerca Nel Sito

Area Staff

Siti Consigliati

www.aquaexperience.it

www.praugrande.org

www.anura.it

www.anfibi.org

www.petpassion.it

AquaDreams

Acquariofiliaemicroscopia.it