(Coronella austriaca - Laurenti, 1768)

Coronella austriaca

NOMI STRANIERI E DIALETTALI

Inglese: Smooth Snake.
Francese: Couleuvre Lisse.
Tedesco: Schlingnatter, Glattnatter.
Spagnolo: Culebra Lisa Europea.
Dialettali: Biscia, Aspisurdu.

DESCRIZIONE

Serpente di dimensioni medio-piccole, raramente supera i 70-75 cm. Le squame dorsali sono molto lisce, quasi lucide, e presentano una colorazione grigiastra o bruno-rossastra ornata di macchie più scure che possono essere disposte più o meno regolarmente. Presenta una caratteristica banda scura che, partendo da ciascuna narice passa attraverso l'occhio e va a terminare sull'angolo della bocca. Occhi piccoli con pupilla rotonda ed iride solitamente giallastra o brunastra. I giovani sono simili agli adulti ma con testa molto più scura...

Dimorfismo sessuale poco accentuato, anche se le femmine sono di solito più grandi dei maschi.
Questo serpente ha una dentatura aglifa.

DISTRIBUZIONE

Europa, Asia minore e caucaso. In Italia è diffusa un pò ovunque, ad eccezione della Sardegna.
In provincia di Savona e nel ponente ligure si contano poche segnalazioni, probabilmente dovute al fatto che è una specie poco conosciuta e molto elusiva. La presenza è rilevata tra gli 80 ed i 1000 metri di altitudine, ma è più frequente oltre i 700 metri.

HABITAT

La specie è legata agli ambienti continentali ed evita le aree troppo aperte e prive di rifugi. La si può trovare in prati, pietraie, cave, muretti a secco, boschi soleggiati, torbiere, ma anche in ambienti antropizzati quali coltivi, giardini ed occasionalmente anche nei centi abitati.

ABITUDINI

Specie territoriale, prevalentemente diurna, può prolungare la sua attività fin'oltre al crepuscolo. Lenta nei movimenti, è una buona nuotatrice ed una mediocre arrampicatrice di cespugli bassi.
Se sorprsa, preferisce l'immobilità alla fuga. Per difendersi si arrotola su se stessa, sibilando e, all'occorrenza, mordendo. Come il Colubro di Riccioli, può emettere un liquido nauseabondo dalla cloaca nel tentativo di scoraggiare l'aggressore.
L'attività va da marzo ad ottobre/novembre; nei primi mesi successivi al letargo avviene l'accoppiamento, preceduto da combattimenti rituali tra maschi. Tipicamente in settembre/ottobre la femmina partorisce fino a 20 (tipicamente una decina) piccoli, lunghi da 12 a 20 cm.

ALIMENTAZIONE

A causa della scarsa dilatabilità della bocca il Colubro Liscio si nutre di prede di dimensioni contenute. I giovani predano piccoli di sauri (ramarro, lucertola comune, Orbettino), micromammiferi (topo, toporagno, arvicola) ed insetti. Gli adulti si nutrono di sauri (lucertola comune, ramarro, Orbettino), serpenti (Vipera comune e piccoli colubridi, anche della stessa specie), piccoli mammiferi (roditori) e nidiacei di uccelli rinvenuti sul terreno.

PERICOLI

Come tutti i rettili, ha molti nemici tra i quali vanno annoverati varie specie di rapaci, mammiferi carnivori ed altri serpenti (ad. Es. Malpolon monspessulanus), e non sono infrequenti i casi di cannibalismo.
L'uomo lo uccide spesso scambiandolo per una vipera (Vipera aspis), inoltre soffre dell'antropizzazione del territorio, delle modifiche ambientali e dell'uso, spesso sconsiderato, di prodotti chimici quali erbicidi, lumachicidi, insetticidi e simili.

PARTICOLARITÀ

A causa della limitata apertura mandibolare, l'ingestione della preda può durare parecchio tempo. Questo ha fatto si che si guadagnasse l'immeritata fama di serpente crudele che ama far soffrir la sua preda. In realtà quest'ultima, nel momento dell'ingollamento, è quasi sempre già morta per la precedente costrizione.
Recenti studi sembrano dimostrare come le due coronelle europee (Coronella girondica e Coronella austriaca), considerate da sempre molto affini, in realtà non lo siano affatto, e che potrebbero addirittura appartenere a due generi diversi.

Ricerca Nel Sito

Area Staff

Siti Consigliati

www.aquaexperience.it

www.praugrande.org

www.anura.it

www.anfibi.org

www.petpassion.it

AquaDreams

Acquariofiliaemicroscopia.it